Nel segno della S

 

foto: CataniaOggi

Antonio Condorelli riparte con una nuova avventura giornalistica, ancora una volta nel segno della consonante “S”. Come SudPress, quando fino al mese scorso era direttore del freepress catanese, e adesso come Esse, il mensile d’inchiesta del gruppo editoriale di Palermo Novantacento libri.

 

“Metteremo a nudo il sistema di potere con intercettazioni inedite sul cartaceo e audio con sottotitoli. Come da tradizione faremo tutti i nomi e i cognomi. Parleremo della mafia che entra nelle opere pubbliche dalla porta principale”, ha detto lo stesso Condorelli durante l’intervista di Claudio Reale, coordinatore editoriale del mensile.

ESSE, mensile d’inchiesta siciliano paragonabile a L’Espresso e Panorama, sbarca finalmente a Catania facendolo dalla porta principale, affidandosi al giornalista, già collaboratore del Fatto Quotidiano e di Report, che negli ultimi mesi con le sue inchieste aveva sconvolto la città dell’elefante.

A Condorelli saranno affidate 16 nuove pagine del mensile che parleranno espressamente di Catania e provincia, non dimenticando le aree di Ragusa e Siracusa. In più sarà prevista un ampia collaborazione riservata al nuovo progetto della WebTv dove saranno pubblicati video, intercettazioni e reportage.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...