Catania, il consulente universitario è il fratello del Rettore

CATANIA – La consulenza all’Ateneo? Assegnata al fratello del rettore. Ma andiamo con ordine. Lo scorso 23 maggio, l’Università degli Studi di Catania ha emesso un bando per “instaurare tre rapporti di collaborazione esterna”, della durata di un anno ma prorogabile per altri due. Con un’ampia premessa del direttore amministrativo dell’ateneo, Lucio Maggio, veniva specificato che “il personale in servizio non può essere distolto dagli attuali compiti senza pregiudizio alla struttura”, e per questo le nuove 3 figure dovevano essere ricercate tra esperti in possesso di una laurea generica e indirizzato a professionisti con esperienza nel campo della produzione, del palinsesto, della regia. Per tale mansione il compenso lordo annuo è di 18.000 euro e l’attività inizierà il 15 settembre.

I VINCITORI – L’evolversi del bando, scaduto il 23 giugno scorso, è stato seguito in questi mesi dalla redazione di Ustation.it, che con stupore ha prontamente comunicato, dopo aver letti nel sito ufficiale dell’Università, i nomi dei vincitori. Tra questi c’è il dottor Severino Recca, fratello minore di Antonino che dal 2006 è magnifico rettore dell’Università di Catania. Severino, pensionato catanese 58enne, ha un passato nelle emittenti di Antenna Sicilia e Teletna, televisioni catanesi su scala regionale appartenenti all’imprenditore Ciancio Sanfilippo. Gli altri due vincitori sono la trentunenne dott.ssa Rosario Macauda, anche lei catanese, e il trentacinquenne dott. Bonatesta Christian, nato a Nardò.

I COMPITI – I tre consulenti si occuperanno di gestire il nuovo canale telematico dell’Università etnea, che si aggiungerà a quelli già esistenti di Milano, Torino, Pisa e Roma. La web tv, costituita con fondi PON 2007/2013 per costo totale di 350.000 euro, avrà la sede in via Umberto 285, luogo nella quale sorge già il Centro di Documentazione Europea (CDE) di Catania. Sfogliando il “capitolo telematico” redatto dal professor Alfio Lombardo, già docente straordinario al dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni, viene evidenziata in 76 pagine tutta la strumentazione che bisognerà acquistare per predisporre la costituzione della nuova web tv. Nulla è lasciato al caso. Sono annotati tutte le caratteristiche dell’impianto video, di quello sonoro e audio, le telecamere “di prima serie” in HD, i monitor, l’impianto studio e quello di regia, finendo con gli arredi e senza tralasciare nemmeno i cavalletti.

I DUBBI – All’interno del capitolo 3.1, quello relativo all’impianto video, ci sono persino 9 pagine scritte in lingua inglese che introducono le “caratteristiche SPG/TSG”, quelle del “frame”, dei “distributori”, e della “TBC” che sembrano decisamente scopiazzate dal web, come si può tranquillamente confrontare andando nel sito californiano della http://www.ensembledesigns.com, un gruppo di consulenti informatici specializzati. Anche se questa volta la consulenza esterna non è per nomina diretta, la vittoria del fratello del Rettore farà comunque discutere sulla trasparenza e sulla scelta dei candidati.

(articolo pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno, 13 settembre 2012)

La notizia ha fatto il giro del web, finendo nella home principale del Corriere.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...