Siracusa, i consiglieri provinciali si regalano l’iPad

SIRACUSA – In barba alla crisi e ai tagli voluti dal governo per i consiglieri provinciali di Siracusa piovono regali hi-tech. La decisione è stata presa dal settore «Affari generali» che prevede lo stanziamento di circa 13 mila e 400 euro per l’acquisto di tablet. Secondo la convenzione «Consip mobile 4», stipulata fra l’Ente e il gestore Telecom, ai consiglieri verrà concesso un pacchetto per navigare in internet a 20 giga al mese. Nell’offerta viene inoltre spiegato che si potrà usufruire dei piani tariffari di 8 euro e 47 centesimi al mese e dell’acquisto di uno dei 3 modelli di iPad2 da pagare in 24 rate da 27 euro e 50 centesimi, 24 euro e 25 centesimi oppure 20 euro e 75 centesimi, a secondo dell’apparecchio scelto. Continua a leggere

Governatore quanto mi costi?

In tempi di crisi forse toccherebbe a tutti tirare la cinghia, ma non sempre il buon esempio viene dalla politica. Non risulta esserci molta differenza fra le Regioni a Statuto Speciale e quelle Ordinarie, quando si parla di “stipendio” i costi lievitano per tutti. In questo nuovo capitolo di “Casta Away” andiamo a vedere quanto guadagnano effettivamente i governatori delle 20 regioni italiane.

fonte foto: menfivive.it

Continua a leggere

Doppia poltrona alla siciliana

Tratto dalla pagina del Corriere del Mezzogiorno.it Catania

Lo scorso mese il settimanale l’Espresso, secondo i dati riportati dal sito OpenPolis, aveva pubblicato un elenco di politici, fra deputati e senatori, i quali avevano mantenuto il doppio incarico regionale e nazionale. Oggi fra le pagine del Corriere del Mezzogiorno ricostruisco la storia legislativa che ha consentito a Diego Cammarata e ai suoi colleghi di poter occupare contemporaneamente due poltrone. Un binomio che in passato non era consentito, pena l’ineleggibilità. Secondo i dati di OpenPolis sono 121 i politici con la doppia poltrona e 7 risiedono in Sicilia. Continua a leggere

Il clemente suicidio

“Se vince De Magistris mi suicido, non si è mai visto un magistrato sindaco di una grande città”, era la provocazione lanciata da Clemente Mastella ai microfoni del programma radiofonico ‘Un giorno da pecora’, andato in onda su Radio2 il 28 aprile. Il deputato dell’Udeur si è però buttato la zappa sui piedi, perché un mese dopo, proprio Luigi De Magistris stravince con un netto divario le elezioni napoletane diventando sindaco della città. Da quel momento si scatena sul web un enorme sbeffeggio nei confronti di Mastella che ne chiede il suicidio.