Salvini e Alfano intesa su “Mare Nostrum”

Alfano e Salvini su Mare NostrumIl segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha incontrato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, prima dell’ingresso nel comune ragusano di Pozzallo per un tavolo con i sindaci e le autorità coinvolte nell’emergenza sbarchi e l’operazione Mare Nostrum. “Dobbiamo usare i soldi di questa operazione in Africa – spiega il leader leghista – Ho chiesto ad Alfano di dare una sveglia a Renzi che è il grande assente” spiega il segretario della Lega, Salvini, negando però che la rinnovata vicinanza ad Alfano nasconda l’obiettivo di dare una spallata al Governo..

.. continua a leggere su Il Fatto Quotidiano.it

** L’articolo è stato pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it, lunedì 16 giugno 2014 **

Alfano su Mare Nostrum: “Caserme e mega-centro accoglienza per emergenza immigrazione”

Alfano CasermeIl ministro Angelino Alfano, arriva in Sicilia per un tavolo con sindaci, prefetti e questori, in una regione ormai al collasso per i continui sbarchi. L’operazione “Mare Nostrum”, voluta dopo la strage di Lampedusa che costò la vita a centinaia di migranti, secondo il ministro deve essere rivista: “Così com’è – spiega- non può andare avanti”. Il titolare del Viminale annuncia poi, affiancato dal Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e da quello di Catania Enzo Bianco, l’adozione di una serie di misure straordinarie con il supporto di una task force tra sindaci e Viminale: “Costituiremo in Sicilia un centro d’accoglienza importante per evitare che sui Comuni ci siano questi momenti difficili da reggere. Ho – continua – anche avviato un lavoro che porterà all’uso delle Caserme d’intesa con il ministro Pinotti per l’accoglienza”..

.. continua a leggere su Il Fatto Quotidiano.it

Continua a leggere

Schifani su Scopelliti: “Sentenza pesante, gli saremo vicini”. Alfano non risponde

Schifani solidarietà ScopellitiAngelino Alfano ritorna in Sicilia, dopo le tappe elettorale della scorsa settimana a Catania e Palermo, tocca a Siracusa. Il ministro dell’Interno ha evitato ancora una volta d’intrattenersi con i giornalisti. Dopo aver definito durante l’intervento in sala “cattive compagnie” quelle di B. all’interno della nuova Forza Italia, Alfano si è rifiutato di dare un giudizio sulla condanna a 6 anni per abuso d’ufficio e falso in bilancio del coordinatore nazionale dei circoli Ncd ed ex governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti. Il titolare del Viminale ha evitato di rispondere al fattoquotidiano.it anche sulla vicenda poi finita in commissione Antimafia sull’incontro avvenuto a Catania lo scorso weekend, con l’editore e imprenditore Mario Ciancio Sanfilippo, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Porta aperta ad una nuova alleanza futura con FI alle prossime politiche e piena solidarietà a Scopelliti giunge invece dal presidente di Ncd Renato Schifani che ha valutato la condanna come “una sentenza pesante”, evidenziando però la scelta dell’ex sindaco di Reggio Calabria di dimettersi da presidente della Regione: “Gli siamo vicini e gli saremo vicini”.

** Articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it, il 29 marzo 2014 **

Schifani Scopelliti

Crocetta: “Alfano? Alleato a Roma, ma in Sicilia mi fa la guerra”

Crocetta - Il FattoDiversi settori del Partito democratico avrebbero voluto l’attuale Presidente della Sicilia, Rosario Crocetta come candidato alla segreteria di via largo del Nazareno. “Ho rifiutato perché dopo l’elezione in Sicilia non c’era il tempo per pensare ad altro”. Positive le prime impressioni sul neo-premier Matteo Renzi: “Mi piace con il suo stile senza fronzoli, asciutto e a tratti quasi incomprensibile alla vecchia nomenclatura del nostro Paese”. Per il Presidente la partita del leader Pd si giocherà sulla scommessa delle riforme che “potrebbero rilanciare l’Italia”. L’alleanza tra il Pd e il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano viene valutata da Crocetta come “una scelta obbligata”, nonostante comporti un problema politico: “A livello nazionale siamo alleati con persone che in Sicilia mi fanno la guerra”. La stoccata finale viene riservata al Movimento 5 Stelle: “Se avessero accettato finalmente l’idea di contaminarsi” ovvero candidarsi “non per fare opposizione ma per governare” adesso le cose sarebbero diverse.

** Articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it, il 26 febbraio 2014 **

Crocetta - LiveSicilia

L’intervista è stata in seguito ripresa dal quotidiano regionale LiveSicilia.it

Strage Lampedusa: funerali di Stato senza salme

AgrigentoLunedì scorso ottanta morti della strage di Lampedusa hanno trovato sepoltura al cimitero di Agrigento. L’immagine è straziante: cappelle ancora incomplete e solo un numero a distinguere i defunti senza nome, nei casi più fortunati accompagnato da una foto. Lunedì i funerali di Stato in mezzo alle contestazioni. Obiettivo dei fischi il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge e la delegazione arrivata da Asmara, presi di mira da alcuni cittadini eritrei perché considerati vicini alla dittatura del paese africano. Non va meglio al governatore siciliano Rosario Crocetta e soprattutto al capo del Viminale Angelino Alfano: numerose le urla contro di lui e tanti gli slogan contro la legge Bossi-Fini.

*il video e l’articolo sono stati pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it

Chiusura campagna Pdl a Catania, Prestigiacomo attacca Anna Finocchiaro

Pdl CataniaChiusura sotto la pioggia, per la campagna elettorale del Pdl. A Catania arrivano tutti i big siciliani del partito di Berlusconi, dal Segretario Angelino Alfano, giunto in extremis da Napoli, all’ex presidente del Senato Renato Schifani fino agli ex ministri Stefania Prestigiacomo e Antonio Martino. Sull’esito finale del voto Schifani è ottimista: “Vinciamo, in modo particolare in Sicilia…

continua a leggere su Il Fatto Quotidiano.it

Continua a leggere

Commemorazione Beppe Alfano

Alfano_2Barcellona Pozzo di Gotto ventanni dopo la morte di Beppe Alfano, il cronista messine barbaramente ucciso la notte dell’8 gennaio 1993 da Cosa Nostra.

Un breve video che raccoglie la messa di Don Ciotti al Duomo Santa Maria Assunta, la commemorazione davanti la lapide e la cerimonia d’intitolazione della piazza al cronista.

Trattativa – Sonia Alfano: “Provenzano si voleva pentire”

Alfano“Nel primo incontro che ebbi con lui, chiesi a Bernardo Provenzano se si voleva pentire. Lui mi chiese se era fattibile”. Così l’eurodeputato dell’Italia dei Valori Sonia Alfano che rivela alcuni particolari delle sue visite al capo di Cosa nostra presso il carcere di Parma…

continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

Chi vuoi mandare sull’isola?

Il parlamento è chiaramente alla frutta. Un ulteriore dismostrazione è stata lo scontro avvenuto oggi dopo il respingimento del provvedimento sul processo breve che ieri era stato interrotto per gli insulti del Ministro della Difesa Ignazio La Russa al Presidente della Camera Gianfranco Fini.

I ministri Brambilla, Alfano e Prestigiacomo non sono riusciti a votare in tempo per far approvare il provvedimento. L’ira della maggiornaza è sfociata in insulti gratuiti, lanci di tessere parlamentari e di giornali. La maggioranza ha dimostrato ancora una volta di non avere la situazione sotto controllo.

Point Exit lancia una sfida: “Un politico sull’isola”. Vota il tuo politico preferito e mandalo sull’isola di Lampedusa, in cambio un profugo libico e un clandestino tunisino riceverà la libertà e diventerà un normale cittadino. Questa settimana Alfano contro Di Pietro: chi ha ragione? Alfano che ha lanciato la tessera parlamentare o Di Pietro che chiede le sue dimissioni?