Battiato nuovo assessore di Crocetta


Il cantautore ha accettato la proposta del presidente della Regione: “Scendo in campo volentieri ma parzialmente perché non posso e non voglio cambiare mestiere.

Annunci

PD Sicilia, un partito a pezzi

«Non calendarizzare la votazione della mozione di sfiducia al presidente della Regione è stato un errore politico grave ed inaccettabile che ha disatteso la decisione della Direzione regionale». E’ quanto si legge nell’energico comunicato stampa pubblicato lo scorso 5 luglio, dopo la riunione a Palermo dei segretari provinciali del Partito Democratico. La tirata d’orecchio è nei confronti di Antonello Cracolici, che non era presente in aula durante la mozione di sfiducia del governatore Lombardo. Continua a leggere

L’Ospedale in agonia

A due anni di distanza dalla riforma sanitaria Russo-Failla per il ridimensionamento dei costi in Sicilia, l’Ospedale Mazzarino sembra essere una struttura fantasma. Tagliati molti reparti e diverso personale, molti punti della riconversione della struttura non sono stati ancora completati.

L’inchiesta del Corriere del Mezzogiorno.it, firmata insieme a Rosario Sardella, racconta le vicessitudini dell’Ospedale Santo Stefano di Mazzarino, le testimonianze del personale ospedaliero, il calvario dei pazienti e le risposte del dott. Paolo Cantaro dirigente dell’ASP 2 Caltanissetta.

Odissea Rom a Catania

Esistono diverse comunità Rom nella città di Catania. Una di queste viveva ormai da moltissimi anni in una struttura abbandonata del centro della città, situato in Viale Africa tra le ciminiere e il vecchio palazzo delle poste. Con un ordinanza della Procura, nel mese di maggio, è stato imposto al Comune di far sbomberare la struttura spostando la comunità in un’altra area.   Guada anche le foto dello sgombero di Orazio Di Mauro.

Continua a leggere

Doppia poltrona alla siciliana

Tratto dalla pagina del Corriere del Mezzogiorno.it Catania

Lo scorso mese il settimanale l’Espresso, secondo i dati riportati dal sito OpenPolis, aveva pubblicato un elenco di politici, fra deputati e senatori, i quali avevano mantenuto il doppio incarico regionale e nazionale. Oggi fra le pagine del Corriere del Mezzogiorno ricostruisco la storia legislativa che ha consentito a Diego Cammarata e ai suoi colleghi di poter occupare contemporaneamente due poltrone. Un binomio che in passato non era consentito, pena l’ineleggibilità. Secondo i dati di OpenPolis sono 121 i politici con la doppia poltrona e 7 risiedono in Sicilia. Continua a leggere