Modica, il giornalista Borrometi: “Vivo sotto scorta, minacciato e picchiato dalla mafia”

Borrometi Scorta“Non è semplice uscire con due persone che ti guardano le spalle o dire spesso ‘no’ agli amici che ti chiedono di andare a mangiare anche solo una pizza. Spero un giorno di svegliarmi, guardarmi allo specchio e dire che per tutto questo alla fine ne è valsa la pena”. Paolo Borrometi è un giornalista di 31 anni che vive e lavora a Modica in provincia di Ragusa…

… continua a legge e guardare l’intervista integrale su

Il Fatto Quotidiano.it

 

 

 

** L’articolo è stato pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it, lunedì 29 settembre 2014 **

In finale al premio “Una storia ancora da raccontare: Mauro Rostagno”

A gennaio mi era arrivata l’incredibile e inaspettata comunicazione della selezione al premio “Roberto Morrione” con l’amico e collega Rosario Sardella.

Oggi ho scoperto di essere in corsa per un’altra finale, la IV edizione del premio “Una storia ancora da raccontare: Mauro Rostagno” organizzato a Perugia dal Festival Internazionale del Giornalismo e l’Associazione Ilaria Alpi.

Il nostro video intitolato “Sanatano”, realizzato insieme agli amici e colleghi Andrea Ossino, Federico Zanghì e Diego Gandolfo, è in corsa con altri 3 concorrenti, la premiazione finale sarà a Perugia il 29 aprile, giorno della chiusura del festival.

La ‘ndrangheta uccise Gianni Versace?

Il 2 dicembre avrebbe compiuto 65 anni. Parliamo di Gianni Versace, lo stilista italiano ucciso nella sua villa di Miami Beach a 52 anni. Una storia che sembrava ormai chiusa, ma che adesso apre un nuovo possibile spiraglio. Continua a leggere