Modica, il giornalista Borrometi: “Vivo sotto scorta, minacciato e picchiato dalla mafia”

Borrometi Scorta“Non è semplice uscire con due persone che ti guardano le spalle o dire spesso ‘no’ agli amici che ti chiedono di andare a mangiare anche solo una pizza. Spero un giorno di svegliarmi, guardarmi allo specchio e dire che per tutto questo alla fine ne è valsa la pena”. Paolo Borrometi è un giornalista di 31 anni che vive e lavora a Modica in provincia di Ragusa…

… continua a legge e guardare l’intervista integrale su

Il Fatto Quotidiano.it

 

 

 

** L’articolo è stato pubblicato su Il Fatto Quotidiano.it, lunedì 29 settembre 2014 **

Pozzallo, recuperate le salme dei migranti. ‘Ammassati come nei lager’

Migranti morti a Pozzallo 2Ci sono volute diverse ore di lavoro da parte dei vigili del fuoco per estrarre i cadaveri dei 45 migranti morti, presumibilmente per asfissia, durante la traversata partita dal nord Africa, con circa 600 persone a bordo, e diretta verso le coste siciliane. Le vittime sono state ritrovate tutte all’interno del piccolo ‘vano ghiacciaio’ della stiva del modesto peschereccio utilizzato dagli scafisti. “Li abbiamo trovati ammassati – spiega Riccardo Russo dei Vigili del Fuoco di Ragusa – come nelle foto dei campi di concentramento”…

 

.. continua a leggere su Il Fatto Quotidiano.it

 

** Il video e l’articolo sono stati pubblicati su Il Fatto Quotidiano.it, mercoledì 2 luglio 2014 **