Amarcord dei “biscotti”

Nuova estate rovente per il calcio italiano, non sono bastate quelle del ’78/’80 o della recentissima “Moggiopoli”. Torna ancora il sospetto dei match truccati e delle combine. Ma chi segue il calcio, o meglio ancora chi lo ha praticato, ricorda episodi che in questi anni facevano pensare a strani “biscotti”.

Il primo in ordine cronologico è quello del gennaio ’99. Allo stadio Sant’Elena si gioca Venezia-Bari, un match abbastanza noioso, quando al ’90 la svolta. L’anonimo brasiliano Moacir Basto, meglio noto come “Tuta“, segna il 2-1 per i lagunari. Nessuno dei suoi compagni lo abbraccia o festeggi, anzi. Continua a leggere

Annunci

Il calcio nuovamente in farmacia?

Sembra passato un secolo da quella torrida estate del 1998 quando lo sport più amato dagli italiani venne sconvolto per sempre. “Il calcio deve uscire dalle farmacie”, tuonò Zdenek Zeman, allora allenatore della Roma. A partire da quella frase niente fu più lo stesso. Iniziò la caccia alle streghe, si susseguirono tantissimi casi di doping di tutti i tipi e parallelamente un’infinito processo alla Juventus e al suo medico sociale Riccardo Agricola, che però non portò mai a sciogliere i tanti dubbi. I sospetti rimangono vivi negli occhi degli appassinati, mentre oggi emergono strani casi legati ai giocatori del Milan. Prima Gattuso e poi Cassano vengono colpiti da traumi neurologici che li costringono a stare lontano dai campi. Cos’ha prodotto questi traumi? Stress? Doping? Ma il calcio è uscito davvero dalle farmacia? Persino il Fatto Quotidiano s’interroga sulla vicenda. Al momento non sappiano le vere cause dei malori che hanno colpito i milanisti. Tra l’altro proprio Gattuso si rifiutò insieme a Pancaro, nel marzo del 2005, ad un controllo antidoping nel post partita Roma-Milan. In questa breve memoria però, proviamo a elencare i grandi casi di doping che hanno segnato il calcio italiano. Continua a leggere